Ci ha lasciato – John Nary Mitchell

loving-memory-fo-nary

John Nary Mitchell

questa volta addio, Nary.

John Nary Mitchell ha avuto un bello e pacifico passaggio all 14.00 circa il 29 settembre 2016 al centro medico Baystate a Springfield MA. Nary era circondato dalla sua amata e calorosa famiglia: suo fratello Bruce, sua sorella Lynn, sua cognata Nancy e il nipote Drew, e molti praticanti amorevoli. Abbiamo condiviso le storie della vita di Nary, la sua infanzia, la sua profonda relazione con la terra, gli alberi, gli aranci e tutto ciò che cresce e le sue molte incarnazioni – e non si poteva chiedere maggior calore e dolcezza. Abbiamo tutti cantato il Canto del Vajra dopo che sono stati staccati i supporti vitali. Buon viaggio, caro nostro Nary. Ti amiamo ancora.

“Ho sentito che il mio tempo e le mie abilità sono state una povera cosa per i preziosi insegnamenti che ho ricevuto da Chögyal Namkhai Norbu! Quando possiamo ottenere tali tesori è così raro che mi sono chiesto molte volte perché sono stato così fortunato ad essere vivo in questa epoca e perché mi è sembrato quasi senza sforzo fare progetti per questa Comunità… Non potrei mai ripagare ciò con cui sono stato benedetto… ” Nary

Alcune parole dagli amici e praticanti
dal blog di Tsegyalgar East:

Per Nary
No! Aspetta! Non andare ancora, che ne sarà dei lamponi?
Saranno ancora così dolci?
Ti penseremo
per tutta le estati che verranno,
Il loro sapore sulle nostre labbra.
– Paula Barry su Facebook

****

‘Zio Nary’ era fantastico con i bambini. La nostra piccola Goma Devi aveva una dolce connessione con lui. Ogni giorno chattavano e si incontravano al Gar o a Khandroling: Goma conserva il piccola Bhudda di giada regalatole per il suo quarto compleanno, che ora è sullo scaffate qui alle Hawaii.

Appena abbiamo saputo che Nary era terminale in ospedale Goma era triste ma oggi quando ha imparato che lui ha lasciato il suo corpo questa è stata la sua risposta: “Va bene. Andrà in alto nel cielo per ricevere ora altri insegnamenti dai Buddha. E forse ritornerà come piccolo bambino”. 🙂 Amo come Nary era capace di entrare nella dimensione di ciascuno – vecchio o giovane. Che il tuo viaggio sia al sicuro. – Laila Reiss

***

Riflessioni su Nary:
Granded mente, Grande cuore

La prima volta che ho conosciuto Nary è stato durante le classi della Base del Santi Maha Sangha, anche se non ero sicuro perché lui ci andasse. Non c’era nulla che io insegnavo che lui non la sapesse già nella sua vasta mente, in grado di trattenere tutta la conoscenza. Ho anche apprezzato la sua dolcezza e come, in classe, cercavo di calmare il suo esuberante flusso di informazioni, sorrideva e con garbo acconsentiva. Ho finalmente capito che il modo in cui lui bilanciava l’incredibile energia della sua mente era con il lavoro fisico, con calma e costanza, contribuendo alla stabilità del nostro gar.

Sebbene la sua presenza mi manchi molto posso solo immaginare il suo grande cuore e la sua grande mente, liberi dalle restrizioni del suo corpo fisico. – Lynn Newdome

***

Dalla prima uscita della Cooperativa della Carta di Khandroling nel 2012, Nary è stato un grande amico per noi. Era il muscolo dietro il nostro operato e ci ha assistito in molte demo, studi aperti, laboratori e la realizzazione di eventi. Negli anni sono stato in grado di condividere una conversazione con Nary su alcuni dei miei argomenti preferiti – tutto quello che riguardava dalle teorie cospirative alle società aliene. Era una fonte di conoscenza esoterica che derivava da voraci letture. I nostri membri del KPC adoravano uscire con lui.

Una delle ultime conversazioni che ho avuto con Nary è stata una consulenza sui semi di albicocche che dal Tibet Chögyal Namkhai Norbu mi aveva dato più di dieci anni prima, e che mi aveva chiesto di piantare a Tsegyalgar. Ho chiesto a Nary che quel seme fosse ancora usabile e mi ha risposto che poteva essere ‘risvegliato’, attraverso un procedimento di raffredamento nel frigorifero e poi nel togliere lo strato esterno con l’urina. Vedremo. La visione di Nary per la terra era al tempo stesso piena di creazioni e di gentili attenzioni – un pergolato piegato a sostenere una fragile crescita; un enorme  collinetta di verdure commestibili; piccoli edifici magici qua e là a portare ordine in un tumultuoso paesaggio del New England. Grazie Nary per averci profuso i tuoi semi ispiranti fra di noi. Jacqueline Gens

 ***

Abbiamo incontrato Nary solo recentemente, forse sei mesi fa. Si occupava della casa quando non c’eravamo, del cane Cooper e delle nostre piante (interne ed esterne). La sua saggezza e tenerezza con le piante era impressionante. Mentre eravamo via aveva trovato delle stranezze e alla fine cominciò a piantare nel giardino intorno alla nostra casa per dare a queste piante delle possibiltà. Una di queste era una deliziosa pianta d’uva che abbiamo apprezzato tutta l’estate e ora la consideriamo una memoria vivente di Nary. Ovviamente anche il cane Cooper lo adorava – gli portava hot dogs come cura! Ci mancherà. Barbara & Woody Paparazzo

***

Fotomontaggio di Laila Reiss 

Download PDF