International Atiyoga Foundation

Merigar West è stata la sede di un incontro di tre giorni, 5-7 giugno 2018, del Consiglio di Amministrazione della International Atiyoga Foundation e la Fondazione Shang Shung Italia.

Durante il primo giorno dell’incontro si è svolta una breve presentazione della Atiyoga Foundation. Il 16 febbraio 2018, il primo giorno dell’anno tibetano del Cano di Terra, Chögyal Namkhai Norbu ha annunciato  a tutta la Comunità Dzogchen la nascita della Atiyoga Foundation durante un webcast da Dzamling Gar, dal Gar Globale, con la firma del documento chiamato “certificato di nascita” dei suoi fondatori, Chögyal Namkhai Norbu e Rosa Namkhai, Carlos Ramos, e Nancy Simmons. Rinpoche ha spiegato che la nuova fondazione (ATIF) funzionerà da ombrello per tutte le entità che compongono la Comunità Dzogchen.

Cinque sono membri che compongono il consiglio di amministrazione dell’ATIF: Marco Baseggio, presidente del consiglio e rappresentate legale; Alex Siedlecki, direttore del Museo d’Arte e Cultura Orientale (MACO); Oliver Leick, direttore della Fondazione Shang Shung; Pia Bramezza, contabile di Merigar West e capo del dipartimento amministrativo; Ester Escudero, rappresentante spagnolo dell ASIF.

La missione della nuova fondazione è quella di creare le condizioni per “favorire le condizioni per far emergere le potenzialità dell’essere umano” (Art. 5 dello statuto). Questo sarà attuato in una modalità non religiosa attraverso le molte manifestazioni di arte antica e moderna, attraverso la conoscenza, della scienza, della filosofia, della medicina e della ricerca umanistica ma anche della sua comunicazione, rendendo fruibili gli strumenti sviluppati dai diversi dipartimenti ed istituti di cui è composta.

Visione. La Atiyoga Foundation è una fondazione culturale che lavora non solo con le culturali tradizionali – come quella tibetana che contiene le più antiche conoscenze umane – ma anche con le nuove frontiere della cultura e della scienza del mondo contemporaneo, con l’intento di costruire relazioni e sinergie con le istituzioni come le università, i musei, le scuole e le accademie per la creazione di corsi, seminari ed eventi culturali.

Tra gli obiettivi della Atiyoga Foundation c’è quello di contribuire a preservare e mantenere l’organizzazione creata da Chögyal Namkhai Norbu. Questo include la creazione di organizzazioni (dipartimenti) sotto l’ombrello della fondazione.

La fondazione esige rigore finanziario e trasparenza a tutti i suoi dipartimenti. Questo sarà garantito da un software di gestione che funzionerà con il sistema centralizzato dei costi. Ad ogni dipartimento corrisponderà un centro costi.

Questo sistema di gestione includerà la raccolta fondi.

Ci sarà un autonomo rapporto finanziario / budget iniziale per ogni dipartimento con un programma di attività correlato all’inizio di ogni anno fiscale e un rapporto finanziario finale alla fine dell’anno, con possibili aggiustamenti durante l’anno. Tutti i documenti saranno resi disponibili al pubblico.

Dipartimenti. Tutti i dipartimenti faranno parte della struttura legale e di gestione dell’Atiyoga Foundation. Saranno autonomi e responsabili, manterranno la loro identità e – se ritenuto necessario – la loro organizzazione.

Fondazione Shang Shung ha attualmente una sua struttura legale. Per poter far parte dell’ATIF la FSS deve sciogliersi legalmente ma questo non significa che necessariamente perderà la sua identità. Gli altri istituti Shang Shung sparsi nel mondo manterranno la loro identità e struttura.

Il Museo d’Arte e Cultura Orientale (MACO) non ha una sua struttura legale ed è considerato un assetto dell’Associazione Culturale della Comunità Dzogchen di Merigar. Il MACO sarà incluso legalmente nella struttura dell’ATIF mandentendo la sua identità e le sue funzioni.

Sarà creata una ATIF Italia, figlia della ATIF internazionale, nella quale la Fondazione Shang Shung e il MACO potranno continuare le loro attività in modo autonomo e responsabile.

Attualmente la FSS organizza i corsi di Yantra Yoga, Khaita Joyful Dances, Danza del Vajra e delle Arti visive all’esterno della Comunità Dzogchen.
La FSS e gli istruttori interessati potranno creare un dipartimento / istituto per gestire queste attività in modo autonomo, separato dall’Istituto Shang Shang ma sempre all’interno dell’ATIF.

La scuola di medicina tibetana sarà un dipartimento / istituto autonomo all’interno dell’ATIF con base a Dzamling Gar.

Turismo culturale. In futuro l’attività turistica gestita da Migmar Tsering sarà integrata legalmente nell’ATIF su precisa richiesta di Rosa Namkhai e del Maestro.

Amici della fondazione. Donatori, associazioni culturali ed altre entità legalmente riconosciute potranno diventare “Amici della Fondazione” dopo essere stati selezionati dal consiglio dei fondatori.

Hanno partecipato all’incontro, oltre al consiglio dei direttori dell’ATIF e Nancy Simmons (in quanto una dei trei fondatori dell’ATIF) le seguente persone: Tiziana Gottardi (per Merigar), Fabio Risolo (per l’IG), e per le diverse branche della FSS: Gaetano Ruvolo, Ilaria Faccioli, Fabian Sanders, Kamil Selwa, Margherita Pansa, Mirella D’Angelo, Giorgio Dallorto, Igor Legati, e Migmar Tsering per la International Cultural Ati Yoga Association (Associazione Culturale Internazionale Ati Yoga).

Download PDF