Kumar Kumari a scuola, durante tutto l’anno

Nella scuola Internazionale Ambrit di Roma, in Italia, lo Yantra Yoga Kumar Kumari è offerto come attività pomeridiana da più di dieci anni. La lezione, un’ora una volta la settimana, accoglie 12-13 bambini dai 6 ai 9 anni in un ampio spazio costituito da una grande aula nella quale si spostano i tavolini ai margini e si stendono a terra i tappetini.

La lezione è sempre piena, a volte c’è persino una lista d’attesa, e quasi tutti i bambini rimangono per l’intero anno, pur avendo possibilità di cambiare attività per ben due volte nel corso dell’anno scolastico. È bellissimo vedere alcuni bambini continuare per 2 e persino 3 anni, e diventare assistenti in gamba, capaci di guidare i riscaldamenti, mostrare agli altri i movimenti più complicati e spiegare i suoni che nel Kumar Kumari si usano per le respirazioni. A fine lezione tutti aiutano ad arrotolare i tappetini e ci si siede insieme a mangiare un pezzo di pizza, un biscotto o a bere qualcosa.

Quest’anno alcuni alunni hanno pensato che dovevamo acquisire più studenti e hanno fatto pubblicità alla classe affiggendo in giro per la scuola poster da loro stessi creati, con scritte come “Yoga è COOL”, “Kumar Kumari ti rende il più forte” e persino “ KK Yoga ti fa diventare come Michael Jackson”. Veramente molto interessante!

Nel corso degli anni in cui ho insegnato Kumar Kumari Yantra Yoga sono stata più volte avvicinata da genitori e colleghi insegnanti desiderosi di inserire nella classe i loro figli / alunni iperattivi, con la speranza di vederli istantaneamente calmarsi. Ciò che accade in queste lezioni settimanali è che i bambini imparano a formare un gruppo, a lavorare insieme, a comprendere ciascuno il proprio respiro e a coordinare il movimento con quel respiro. A volte leggo loro i benefici dei movimenti del Kumar Kumari. I più piccoli hanno il loro modo di descriverli, usando espressioni quali “Mi sento calmo, più forte, mi sento semplicemente meglio”.

L’opportunità di espandere lo Yantra Yoga Kumar Kumari all’interno dell’Ambrit si è potuta realizzare perché quest’anno mi sono liberata dell’impegno giornaliero d’insegnante elementare. Si, dopo 29 anni sono finalmente in pensione. La motivazione scaturisce però soprattutto dall’aver ricevuto lo scorso novembre, durante il Teacher’s Training a Tenerife, dalle mani del Maestro Chögyal Namkhai Norbu, il Diploma d’insegnante di Kumar Kumari.

Ho scritto quindi una mail all’amministrazione e allo staff dell’Ambrit, dando la mia disponibilità a presentare lo yoga nelle classi, e ho ricevuto richieste da diversi insegnanti che andavano dall’introdurre riscaldamenti di 10 minuti nelle classi di tre anni, fino all’integrare le lezioni di educazione fisica degli alunni di scuola media.

Quando le tre classi di prima elementare hanno organizzato uno spazio di lavoro comune, denominato “Cosa rende un corpo sano”, sono stata invitata a presentare il Kumar Kumari in ciascuna classe per 20-30 minuti. Pur in uno spazio e con alunni differenti, c’è stato comunque modo di introdurre la respirazione iniziale di purificazione e alcuni degli esercizi tsigjon e lungsang. Nonostante un tempo così breve, gli alunni hanno avuto modo di fare un’esperienza iniziale e di testare il loro interesse ad approfondire lo yantra yoga per bambini.

IMG_3576 (ED)

Nel corso dell’anno abbiamo usato spazi interni e all’aperto. In giardino veniva molto facile e naturale radunare un gruppo e fare qualche scioglimento e alcuni movimenti sull’erba.

Nelle aule, quando mi è capitato di sostituire insegnanti assenti, fare le respirazioni di purificazione, alcuni movimenti e la respirazione conclusiva, si è rivelato un nuovo modo di iniziare la giornata.

In Marzo la consulente della scuola mi ha chiesto di condurre una lezione di yoga di un’intera ora in ciascuna delle classi di terza media, (ragazzi e ragazze di 13 anni) come parte dei loro studi sulla gestione dello stress. Le grandi aule si sono trasformate in “centri di fitness” con 20 tappetini disposti sul pavimento. I ragazzi sono rimasti sorpresi nel vedere quanto questo yoga fosse MOVIMENTATO, e hanno commentato “hey, questo non è yoga, è una classe di ginnastica!”. Essi hanno avuto modo di seguire una serie di riscaldamenti, la respirazione iniziale, quasi tutti gli tsigjon e un assaggio dei lungsang e di alcuni yantra. L’enfasi era sia sul far notare loro il proprio respiro, sia sul tentativo di
stancarli per dare spazio a un totale rilassamento finale quando, sdraiati sui loro tappetini, li invitavo a osservare le loro sensazioni. Le reazioni sono state diverse, dal “Si, mi piace.” a “vorrei provare a seguirlo” fino a “ora sono più stressato di prima, perché è stato qualcosa di veramente nuovo!”. Un articolo corredato di foto è stato condiviso con i genitori e gli insegnanti attraverso la newsletter mensile della scuola.

Quali possibilità per il prossimo anno? Sicuramente continuare l’attività pomeridiana dopo scuola. Una seconda visita alle classi di terza media è già stata chiesta, e si potrebbe creare un gruppo di kumar kumari yoga come parte del programma di educazione fisica per le classi di prima e seconda media…..ma questo è ancora da decidere.

Sempre più mi sento di ringraziare il mio Maestro Chögyal Namkhai Norbu per questo prezioso insegnamento dedicato ai bambini; per loro è di grande aiuto ed è un fantastico modo per gli insegnanti di yantra yoga, educatori e genitori di proporre i movimenti dello yantra yoga e di far comprendere la respirazione. In ambiente scolastico, ma in qualsiasi altro, i benefici sono immensi per i bambini che crescono e si sviluppano.

Constance Ann Soehnlen
12 luglio 2017