Kunsangar North al tempo della quarantena

Rassicuriamo le molte persone che probabilmente si chiedono come ce la stiamo cavando a Kunsangar North in questo periodo difficile per tutti noi che il nostro centro è autosufficiente grazie agli affitti degli edifici ai nostri amici del Sangha. È la prima volta che attraversiamo una tale situazione e dopo averci pensato su ed esserci consultati abbiamo deciso di realizzare le idee e le esperienze di ciascuno, ascoltanto le proposte di tutti.

Alla fine abbiamo attuato alcune misure: abbiamo mandato parte del personale in vacanza, chiuso parte dei dormitori non occupati e abbiamo chiuso l’elettrcità e il riscaldamento. Non abbiamo voluto licenziare nessuno degli nostri amici del personale ma abbiamo dovuto ridurre loro lo stipendio. Tutte le persone coinvolte hanno reagito a queste misure con comprensione e alcuni fra loro hanno coperto le mansioni di quelli in vacanza.

La nostra calda e accogliente mensa, usata anche come luogo per celebrare diversi eventi – dove abbiamo visto fim, suonato musica, cantato il karaoke e dove si sono svolti dei seminari – è stata chiusa e abbiamo cominciato a servire i pasti in contenitori da asporto. Abbiamo comprato lampade sterilizzanti per sterilizzare regolarmente tutte le superfici. Abbiamo anche svuotato la piscina pe risparmiare sui costi e non usiamo più la sauna.

Sono sicuro che se tutte le persone che soggiornano in questa zona non fossero praticanti e non fossero in grado di lavorare con le circostanze, avrebbero iniziato a farsi prendere dal panico con cambiamenti così drastici! Avendo fatto del nostro meglio ci rilassiamo e guardiamo alla situazione con gioia. Vediamo del potenziale, il seme di nuove attività.

Abbiamo organizzato velocemente negozio di cucito per confezionare delle mascherine per quei fratelli e sorelle del Vajra che lavorano con i senzattto e che collaborano con gli ospedali. Ovviamente non lo facciamo per fare soldi. Facciamo le mascherine con la stessa stoffa per i Lungta, per questo sono brillanti ed eleganti. Stiamo ricevendo alcuni ordini, cosa che portarà degli introiti.

Poi abbiamo anche creato un locale per la produzione di vasellame che sono state messe all’asta per aiutare il Gar. Abbiamo creato diversi pezzi unici. Ora abbiamo iniziato a creare diversi sostegni per il Namkha, i Dadar, corredi per Sang, il Serkyem e la Ganapuja (piatto e bicchiere) e abbiamo chi ha realizzato bellissimi ricami sulle buste che li contengono. Abbiamo anche deciso di creare un orto che fornirà verdura fresca alla nostra mensa.

Ci sono al momento circa 20 persone al Gar – alcuni membri del Gakyil, impiegati, volontari, karma yogini e anche persone rimaste «bloccate» qui dall’inizio della quarantina. Tutti insieme abbiamo iniziato a rinfrescare l’area, a pulire la foresta e suddividere le zone. Tutti hanno trovato qualcosa da fare in base alle proprie inclinazioni – qualcuno si occupa dell’orto, c’è chi sega rami secchi, alberi e un membro del Gakyil lavora nella caldaia. Nel complesso c’è un sacco di lavoro da fare.

Ovviamente abbiamo approfittato di questo periodo per fare piccole riparazioni. Vogliamo dare al Gar un nuovo aspetto, sperando che le persone possano trovare un posto pulito e bello. Una delle nostre preziose dipendenti ha una grande esperienza nella pittura e nell’intonacare case e ha intrapreso con gioia questo lavoro.

Grande è il contributo dei nostri istruttori del Santi Maha Sangha. Tengono ritiri online e molti di loro non hanno preso le offerte fatte di questi ritiri destinandolo alle attività del Gar. Siamo loro immensamente grati per questo.

Ci sono molte pratiche online, al Gar danziamo sempre e tutti fanno la loro pratica personale e ora il Gar, in questo momento di grande cambiamento, è più che mai un posto di pratica.

Questo situazione ci ha riunito ancora di più e abbiamo capito che la cosa più importante per tutti i membri della nostra famiglia del Vajra è quella di continuare a sorreggere la Comunità e l’Insegnamento per il beneficio di tutti gli esseri.

Marina Novitskaya,
Kunsangar North Gekod
kunsangar.ru
kunsangar.north@gmail.com

Download PDF