Yantra Yoga e Pranayama a Lajoux, Francia

22-29 luglio 2018

Quest’estate per il terzo anno consecutivo un allegro gruppo di praticanti di Yantra Yoga è venuto dai quattro angoli della Francia per unirsi nella verde, tranquilla e pacifica Giuria per una settimana di ritiro guidato da Jesus Martinez e Patrizia Pearl con lo scopo di scoprire e praticare i quattro Pranayama. Bella sfida!

I nostri istruttori Patrizia Pearl e Jesus Martinez, armati di pazienza, di gentilezza e capacità di ascolto, hanno adeguato le loro spiegazioni alle condizioni fisiche di ciascun partecipante e del gruppo ideando il programma dell’intera settimana a questo scopo. Per prima cosa abbiamo fatto molti esercizi di stretching e di harmonious breathing. Sebbene il livello di pratica dello Yoga fosse eterogeneo ognuno è stato capace di sviluppare e approfondire la respirazione ritminca e l’esperienza del pranayama.

Ogni giorno Jesus ci guidava con gentilezza e abilità attraverso i diversi esercizi per rilassare il corpo. C’erano i preliminari dello Yantra Yoga. Ovviamente conosciamo tutti questi pranayama essenziali delle Nove Respirazioni che Chôgyal Namkhai Norbu ci mostra così spesso, giusto? Eppure Patrizia ci ha corretto molto, istruendo ciascuno sulla posizione di Vairocana e sui gesti finché non li abbiamo fatti… quasi perfettamente.

Abbiamo fatto gli Tsigjong per riscaldare le giunture, i Lunsang per purificare il prana e gli Tsadul per aprire e controllare i canali. Se alle persone piacciono molto gli Tsadul alcuni Lunsang non sono così facili da fare così Patrizia e Jesus ci hanno proposto un modo leggero di farli – quello per le donne incinte! Comunque, lo scopo principale era quello di sforzarci ma senza forzare né farci del male. Abbiamo anche fatto molta respirazione ritmica, ognuno in base al proprio livello di pratica.

Patrizia, per farci fare il quarto pranayama, inizialmente ha frazionato la pratica. Abbiamo lavorato sulla postura, sulla visualizzazione e sulla respirazione separatamente prima di praticarli tutti e tre in modo rilassato. Ora dipende da noi praticare da questo punto in poi! Stiamo già organizzando il ritiro per l’estate prossima.

Un ritiro però non è fatto di sola pratica. C’è vita intorno, ci sono relazioni all’interno del gruppo e con l’ambiente – così interessanti! Tutto è andato per il meglio. Sebbene la pratica sia stata così profonda, incluse le purificazioni, tutti erano rilassati. Abbiamo apprezzato i pasti insieme tutti intorno allo stesso tavolo, fatto lunghe conversazioni e condiviso le nostre abilità. I nostri istruttori erano molto soddisfatti di vedere il gruppo così coeso per tutto il ritiro – certamente grazie all’incredibile energia che hanno messo nell’insegnare. Per tutto il tempo la convivialità dei nostri scambi ha permesso alle persone di conoscersi e di creare forti legami.

Abbiamo fatto un picnic a pranzo nella foresta con patate e salsicce cotti sulla brace. Si è unito a noi Antoine Musitelli, un grande matematico e istruttore di Raja Yoga. Ci ha fatto conoscere il suo rivoluzionario metodo per far scoprire ai bambini le gioie della matematica.

Il 27 luglio siamo andati nella foresta per praticare la Ganapuja durante l’eclissi lunare che ha mostrato il suo splendore cosmico sulle nostre teste. Abbiamo sentito molti spiriti della natura darci il benvenuto e partecipare alla nostra pratica. Quando siamo andati via forme di luce illuminavano il nostro sentiero…

Tutti sono partiti con il desiderio di incontrarsi anc’ora l’anno prossimo.

Omaggio al nostro Maestro! Che posso vivere a lungo!

Thilda Lehacque e Sonia Millard

Download PDF