Esame di  Khaita Joyful Dances: Aprile 2024

Foto di Yulia Petrova. Collage creato da Alena Velimirovic.

Per molto tempo ho segnato sul mio calendario l’annotazione “Esame Khaita” per la settimana dal 14 al 20 aprile. Sapevo che in quel periodo ci sarebbero stati tre giorni dedicati all’esame. E sapevo di dover imparare molte coreografie, molti nomi tibetani delle danze, un po’ di teoria sulle Khaita (per esempio “Come si è evoluto il nome Khaita Joyful Dances?”), i significati delle canzoni e, naturalmente, come spiegare una danza al pubblico interessato in modo che possa seguirla e divertirsi. Sembra molto? Per me lo è stato sicuramente.

Durante il periodo di preparazione e i giorni a Dzamling Gar, ho sperimentato qualcosa che di solito non si vive tutti i giorni. Ho sentito molto il supporto delle persone che mi circondavano. Non avevo tempo libero per lasciare che la mia mente pensasse troppo e mi concentravo davvero sull’apprendimento. Ho ballato ogni giorno! Come bonus, abbiamo sviluppato la pratica online con le ragazze del nostro gruppo di studio di Khaita, che ci è piaciuta molto. Ci siamo divertite e abbiamo potuto ascoltare le opinioni degli altri, il che è utile soprattutto quando si insegna. Verso i giorni dell’esame, ci siamo incontrate anche quasi ogni giorno per ballare insieme in modo virtuale.

Allo stesso tempo, abbiamo partecipato al progetto Exploring Khaita, un progetto online in cui le persone possono imparare le danze Khaita da casa propria o ascoltare workshop su diversi argomenti legati alle  Khaita.
.È stata un’ottima preparazione per spiegare le danze ai principianti! Così per alcuni mesi siamo stati molto impegnati e finalmente è arrivata la settimana degli esami.

Abbiamo iniziato il primo giorno dell’esame come di solito iniziamo i nostri corsi del Khaita Educational Program e qualsiasi altra attività di Khaita che facciamo insieme: con il Guruyoga e alcune danze di riscaldamento per connetterci nel gruppo e attivare il corpo e la mente. I giorni di preparazione sono stati intensi. Conoscevamo molto bene i punti di forza e di debolezza nostri e degli altri. Quando finalmente è iniziato l’esame, non solo eravamo pronti a mostrare ciò per cui ci eravamo preparati negli ultimi tre anni, ma anche a sostenerci a vicenda il più possibile. Issa si è offerta di andare per prima e, con il suo atteggiamento amichevole e aperto, ha guidato i partecipanti (l’esame era aperto a tutti) con gioia e professionalità attraverso il Bodpa Tso. È seguita una sessione di spiegazione delle danze che tutti avevamo preparato in precedenza: Il compito era quello di insegnare al gruppo la danza scelta in non più di 20 minuti, facendo in modo che le caratteristiche più importanti della coreografia, della qualità del movimento e del significato risultassero chiare. Il poco tempo a disposizione sembrava essere la sfida più grande di questo compito. Tuttavia, eravamo tutti perfettamente preparati e siamo riusciti a rispettare i tempi. Abbiamo finito il primo giorno eccitati ed esausti. Mi è sembrato di aver affrontato io stessa 10 esami, perché non solo ero concentrata sulla mia parte, ma mi sentivo anche con tutti i miei colleghi e cercavo di sostenerli con tutta la mia energia. Quella sera c’è stato poco tempo per rilassarsi e festeggiare, perché il giorno successivo abbiamo continuato dalle 10 del mattino.

Il secondo giorno è iniziata l’emozionante fase di scelta delle domande a caso da un pool di danze, domande di teoria e combinazioni di passi base. Il momento di scegliere il foglietto “perfetto” è stato snervante, non solo per chi doveva scegliere, ma anche per gli altri candidati! Tutti speravamo che la persona riuscisse a scegliere qualcosa con cui si sentisse a proprio agio. Siamo stati tutti piuttosto sorpresi dall’esito delle domande di teoria: tra le dieci possibilità, sembrava che tutti avessero ottenuto esattamente la domanda di cui avevano bisogno; sia perché permetteva alla candidata di mostrare la sua profonda comprensione in un’area particolare, sia perché era l’argomento che la sfidava e che forse doveva essere sviluppato di più.

Anche la scelta di danze casuali è stata molto stimolante. Tutti noi avevamo preparato 50 danze da un elenco, tra cui alcune complesse e altre più facili. Sorprendentemente, abbiamo quasi tutti scelto danze Kordro (danze in cerchio) semplici. La danza che ho ricevuto io, ad esempio, era il Gawala, una danza Kordro molto popolare con movimenti piuttosto semplici. Di tutte le danze che avevo in mente, questa era molto lontana da quella che pensavo di scegliere. Ero pronto a spiegare mudra e cambi di formazione complessi e ad approfondire il significato dei testi. Con Gawala, i movimenti, la formazione e i testi sono facili da seguire ed esprimono pura gioia. Ho riflettuto molto sul significato della mia scelta di questa danza e ho trovato molte risposte legate all’essenza delle Khaita: la gioia e la connessione di gruppo. Probabilmente eravamo tutti in un processo di pensiero simile, chiedendoci perché avessimo scelto quella particolare danza e cercando un significato più profondo.

Il terzo e ultimo giorno abbiamo continuato con il nostro programma. Un ulteriore compito era quello di spiegare una combinazione di passi base a un pubblico presumibilmente di principianti. Questo rappresenta uno degli obiettivi principali del programma didattico Khaita: essere in grado di spiegare passi di danza/coreografie in modo semplice e chiaro, usando solo le parole necessarie e il corpo come strumento di comunicazione. E poi, il tempo di iniziarlo che l’esame era già finito! L’adrenalina ha abbandonato i nostri corpi e anche se eravamo tutti molto felici, ci siamo sentiti improvvisamente incredibilmente stanchi.

Tuttavia, non abbiamo avuto molto tempo per riposare. Dopo una festa serale, ci siamo ritrovati di nuovo il sabato mattina per approfittare della presenza di tanti esperti di Khaita insieme, per praticare il Jidkai Trinsang, una danza bellissima ma complessa da eseguire con una formazione a stella. Nel pomeriggio, poi, abbiamo avuto la prima riunione degli istruttori. Senza aver ancora compreso le nostre nuove responsabilità come istruttori, ci siamo riuniti con gli “istruttori anziani” presenti sul posto per parlare dei nuovi progetti Khaita e delle idee per il futuro. Molte cose nuove ed entusiasmanti ci aspettano per Khaita!

La sera si è tenuta la cerimonia ufficiale di consegna dei diplomi. Per una meravigliosa coincidenza, l’abbiamo condivisa con i nuovi istruttori di Yantra Yoga. In questo modo, la cerimonia è stata davvero un momento gioioso e importante per la nostra comunità Dzogchen. I dieci nuovi istruttori Khaita sono:

Alessandra Policreti
Anna Jiresch
Clotilde Hubert
Eva Leick
Issa Cox
Janina Parejo
Katerina Drajsajtlova
Martina Krejcova
Nadiia Gnatenko
Sharina Techer

La domenica abbiamo finalmente avuto il tempo di rilassarci. Siamo andati a fare un picnic nella foresta intorno al Teide. Anche se il tempo non era bello come ci si aspettava per Tenerife, i nostri cuori erano pieni di calore e ci siamo goduti lo stare insieme in modo rilassato, senza lo stress di essere sotto i riflettori. Alcuni di noi hanno avuto la possibilità di rimanere per qualche altro giorno, il che ha significato soprattutto andare in spiaggia, riflettere sui giorni passati, pensare a nuovi progetti e, naturalmente, ballare durante le sessioni quotidiane di Khaita!

L’esame Khaita è stato un momento importante nel percorso personale di ciascuno di noi. Ci ha ispirato e messo alla prova. La parte più bella è stata probabilmente quella di viverlo come collettivo. Attraversare insieme queste emozioni intense ci ha avvicinate ancora di più e ha creato un legame di sorellanza che rimarrà con noi per sempre.  Vedo e sento noi davvero come una squadra, che si sostiene e fa il tifo l’una per l’altra. In questo modo,  abbiamo superato l’esame non  solo individualmente, ma anche collettivamente come gruppo, incorporando il principio di collaborazione di Khaita.
Voglio ringraziare tutti le mie colleghe neo-istruttrici per la fiducia e il sostegno degli ultimi anni e di quelli a venire. E, naturalmente, un grande grazie ad Adriana Dal Borgo, Petra Zezulková, Monika Marcik e Christiane Rhein per averci dato lo spazio e il tempo per diventare davvero un  gruppo e sperimentare il vero spirito di squadra.Ci hanno guidato con competenza, pazienza e accuratezza attraverso il Khaita Educational Program e l’esame finale. Sappiamo di poter contare sul loro sostegno anche per quanto riguarda le cose a venire.

 

Di  Martina Krejčová and Eva Leick

 

 

 

 

Download PDF