Insegnamenti Dzogchen con Yeshi Namkhai, 20-27 giugno 2024

Tutte le foto sono di Lesya Cherenkova

Nell’ultima settimana di giugno si è svolto un evento straordinario in Italia, a Merigar, sulle verdi pendici del Monte Amiata, in Toscana. È stata un’occasione che le persone della Comunità Dzogchen e molte altre in tutto il mondo stavano aspettando con impazienza e che la Comunità di Merigar aveva meticolosamente pianificato per tutti i lunghi mesi invernali e primaverili.

Il ritiro di Insegnamenti Dzogchen tenuto da Yeshi Namkhai è stato una pietra miliare negli oltre 40 anni di storia della Comunità Internazionale Dzogchen di Chögyal Namkhai Norbu. Una pietra miliare per la presentazione fresca e innovativa che Yeshi Namkhai ha dato,  con tanta chiarezza, degli insegnamenti Dzogchen. Una pietra miliare nel senso che ancora una volta il Maestro e gli Insegnamenti hanno riunito un’ampia gamma di più di 1000 persone, giovani e anziani, praticanti esperti e nuovi arrivati, persone del posto e persone che hanno viaggiato per giorni da luoghi lontani del nostro globo per partecipare a questo evento speciale. Più di 5000 persone che non hanno potuto partecipare di persona hanno potuto seguire l’intero programma in webcast in italiano, giapponese, francese, tedesco, spagnolo, russo, ceco, ungherese, ucraino e polacco.

L’evento è stato un momento per rinfrescare il nostro senso di Comunità, proprio come una “unica entità”, basandoci sulle  parole usate da Yeshi Namkhai durante l’insegnamento, al di là delle limitazioni della lingua e della cultura. È stata un’opportunità di collaborazione a molti livelli. Ma soprattutto ci ha offerto la possibilità di rinnovare il nostro legame e la nostra comprensione di questi preziosi Insegnamenti.

L’organizzazione dettagliata del ritiro, iniziata molti mesi prima e che ha riunito più di 150 volontari per l’evento vero e proprio, è stata impeccabile fin nei minimi dettagli e ha contribuito a rendere il ritiro un momento sereno e piacevole per tutti i partecipanti. Sono stati organizzati team per ogni esigenza: Accoglienza, Info Merigar, registrazione, colazione, pranzo – che è stato offerto gratuitamente -, pulizia, webcast, Sala Mandala, parcheggio, comunicazione e segnaletica per indicare come raggiungere i diversi edifici. Un servizio di babysitting privato ha intrattenuto i bambini durante le sessioni didattiche. Anche il Comune di Arcidosso è stato coinvolto nei preparativi per rendere il ritiro più accessibile a tutti, riparando e sistemando la strada di campagna che porta al Gar e prestando un minibus durante il ritiro per trasportare i partecipanti da e verso Merigar. Sono stati creati gruppi WhatsApp per aiutare i partecipanti con annunci sulle attività del ritiro, condivisione di auto, oggetti smarriti e alloggi. Con questo ritiro è stato messo in atto anche un sistema innovativo di traduzione in loco tramite smartphone.

Affinché tutti potessero godere di una sessione di insegnamento nel Gönpa, ogni partecipante al ritiro aveva un braccialetto blu, uno giallo o uno rosso e ruotava ad ogni sessione – nel Gönpa, fuori dal Gönpa o in una grande tenda nelle vicinanze.

Oltre alle sessioni mattutine di Insegnamenti, nel pomeriggio il programma del ritiro offriva diverse conferenze per presentare la Comunità Dzogchen e le sue organizzazioni sorelle, come la Fondazione Atiyoga, le Pubblicazioni Shang Shung, ASIA e lo Spazio Dinamico degli Elementi. La maggior parte dei pomeriggi il Gönpa ha ospitato sessioni di Khaita Joyful Dances, molto seguite, e allo stesso tempo sessioni di Yantra Yoga, “Respira” e  Danza del Vajra che si sono svolte nella Zikhang o Mandala Hall. Ad Arcidosso, il Museo MACO ha inaugurato la nuova affascinante mostra “Riflessi Luminosi: i Murales Segreti del Tempio di Lhukhang”, mentre Dynamic Space ha allestito una mostra di pittura nella Sala Mandala. Sabato 22 giugno si è tenuta una Ganapuja nel Gönpa, nel giorno di luna piena.

Chi ha partecipato di persona al ritiro potrebbe essere rimasto un po’ sorpreso nel trovare il Tempio della Grande Contemplazione, sede degli Insegnamenti, adornato sia sopra che sotto con alcuni grandi oggetti morbidi, che danno al luogo l’aria di una navicella spaziale, ma progettati e posizionati appositamente per migliorare i suoni all’interno dell’edificio, in modo che i presenti potessero godere di un’esperienza audio incontaminata.

Nel tipico stile di Merigar, durante gli otto giorni di ritiro gli elementi sono stati a volte sfidanti e il tempo ha rivelato i suoi variegati colori, passando da splendide giornate di sole a periodi invernali di pioggia e raffiche di vento pungente. Ma non sarebbe stato un ritiro “vero e proprio” a Merigar senza questo magnifico spettacolo degli elementi.

L’ultimo giorno del ritiro, il maltempo si è finalmente placato e uno splendido sole ha riscaldato l’intera montagna, contribuendo a chiudere nel migliore dei modi un’esperienza di ritiro davvero unica.

A Yeshi Namkhai va il nostro più grande ringraziamento per aver dedicato il suo tempo e le sue energie a questo ritiro e per aver condiviso la sua profonda conoscenza. E a tutte le persone che si sono impegnate per far sì che questo ritiro si svolgesse gioiosamente  e senza intoppi.

Download PDF