Parlando dell’universale – Artisa Marsha Klein

Marsha Klein con il suo ‘Painting Dreamers #9’

Ebbi la straordinaria fortuna di partecipare al primo ritiro introduttivo della Comunità Dzogchen, in America, nel novembre del 1979. Si tenne presso il California Institute of Integral Studies, situato in un vecchio palazzo, nel quartiere Haight Ashbury di San Francisco. Norbu Rinpoche arrivò quella prima notte, con un gruppo di italiani che mi fece subito venire in mente La Dolce Vita. Rinpoche stesso, straordinariamente tibetano, ma vestito con abiti occidentali, insegnava in italiano, tradotto da Barry Simmons, brillante studioso e lui stesso una presenza imponente.

Il sangha iniziò cantando il Canto del Vajra, e poi Norbu Rinpoche introdusse lo Dzogchen. Il potere e la chiarezza del suo insegnamento erano così forti che ne rimasi trafitta. Anche se all’epoca non conoscevo l’italiano, riuscivo in qualche modo a capire quasi tutto quello che diceva Rinpoche, per risentirlo di nuovo, tradotto in inglese. Concluse insegnandoci la pratica della notte. Come in molti dei suoi insegnamenti nel corso degli anni, questi insegnamenti mi risuonavano così profondamente veri, qualcosa che conoscevo ma di chi non avevo le parole per esprimerlo. Ero stata un’avida sognatrice per tutta la vita, ed essendo in analisi junghiana, registravo molti dei miei sogni, quindi lavorare con la vita onirica mi era assolutamente familiare. Sapevo senza alcun dubbio di aver incontrato il mio Guru radice.

Questo incontro fortuito è avvenuto indirettamente, attraverso il mio primo figlio, Turu. All’epoca aveva sei anni ed era diventato amico di un bambino della sua classe di prima elementare, Russell Weinberger, (un’amicizia che è durata per tutta la vita). Quando alla fine ho incontrato la madre di Russell, Lynn, per la prima volta, abbiamo iniziato una lunga conversazione, che è andata avanti per quarantatré anni. Ci siamo rese conto di avere molto in comune, eravamo entrambe artiste visivi, praticanti spirituali e avevamo amici in comune nella comunità di Chogyam Trungpa.

‘Dreamers #6’ e ‘Dreamers #1’

La famiglia Weinberger si era appena trasferita a Sonoma quell’anno, dopo aver vissuto dodici anni in India. Il loro tempo in India era iniziato con i Corpi di Pace ed è culminato a Tashi Jong, dove avevano lavorato con la comunità del monastero e il loro amato maestro, Khamtrul Rinpoche. Lynn e Jon avevano una rete profondamente connessa di praticanti spirituali. Tra loro c’era il meravigliosamente vitale Mario Maglietti, uno dei primi studenti di Norbu Rinpoche in Italia. Quando ha saputo che Rinpoche stava organizzando un viaggio nella nostra zona, informò Lynn, convinto che avrebbe dovuto incontrarlo, estendendo l’invito a me e mio marito Charles. Sento che questa connessione sia arrivata in buona parte grazie alla pratica che avevamo fatto fino a quel momento, aprendoci la strada a questo passo successivo.

Poche settimane dopo questa prima introduzione, Kennard Lipman, un esperto tibetologo, come lo definiva Norbu Rinpoche, che viveva a Berkeley con la moglie di allora, Huisan, iniziò a contattare le persone interessate. Ci siamo gradualmente riuniti in una piccola comunità, incontrandoci al nostro primo ritiro in campagna l’estate successiva a Potter Valley. Ogni anno successivo, fino agli anni ’90, abbiamo organizzato ritiri estivi con Rinpoche, in vari luoghi della California settentrionale.

Ascoltando e seguendo i suoi insegnamenti, mi sono sentita come la terra arida che beve ogni goccia d’acqua, una sete placata con la freschezza e la profondità dell’acqua. Nei ritiri era sempre disponibile, pranzava insieme al sangha, impartendo tre insegnamenti ogni giorno, seguiti dal Rito e dal Chöd praticato di sera. Ci sono così tanti ricordi dei ritiri qui e in tutto il mondo: giocare in riva all’oceano, durante il ritiro di Oz, vederlo camminare al mattino presto, incontrare un pavone che gli offre l’arcobaleno della sua coda piumata, immergersi negli antichi bagni di Harbin Hot Springs, nuotare nel mare a Baja, dove le sorgenti termali sgorgavano nell’acqua di mare. Vedere e aiutare a dipingere il Gönpa di Merigar con il maestro pittore, Choegyal Rimpoche, di Tashi Jong. Aspettare a Kathmandu, per quasi tutte le tre settimane previste per il ritiro, l’arrivo di Norbu Rinpoche e degli altri studenti. Arrivati in ritardo e reindirizzati più volte, ma alla fine ce l’hanno fatta, tornando per condividere storie dal loro fantastico viaggio in Tibet. Jim Raschick ha mostrato le sue diapositive e ha raccontato la storia della loro scoperta dell’antica città perduta di Zhang Zhung.

‘Ektoskeletal Torso’

Fin da bambina, i miei primi ricordi sono di mio nonno e del nostro forte legame. Significato e comprensione sono sempre stati molto importanti per me. Le antiche tradizioni mi hanno sempre attratto. Mistero, mondi che potevamo solo immaginare, riempivano la mia mente. La narrazione di mio nonno ebreo russo mi ha affascinata e aiutata nella squallida Williamsburg degli anni ’50, a Brooklyn. Ha instillato in me una fiducia in me stessa e nella mia volontà di fare tutto ciò che avevo deciso di fare.

La mia passione per l’arte è iniziata nella mia adolescenza, quando ho scoperto i musei d’arte della mia nativa New York City. Le collezioni di scultura greca antica e dipinti europei al Metropolitan Museum mi hanno attirato e il lavoro intensamente espressivo di Francis Bacon al Guggenheim hanno portato la mia visione nel presente. Ho iniziato a studiare arte al Brooklyn College, ma ho svolto la maggior parte del mio lavoro universitario presso l’Università della California, a Berkeley, negli anni ’60, al culmine del movimento figurativo della Bay Area. La mia produzione artistica è stata generata all’interno di questa tradizione figurativa durante un periodo molto eccitante, psicologicamente, spiritualmente e artisticamente, nella Bay Area di San Francisco. Nella mia prima scultura ho risposto letteralmente all’enfasi figurativa sui corpi in connessione con la natura. Surrealisticamente sono i miei torsi, teste, braccia e piedi, ali germogliate, fiori, cactus e radici. La scultura in ceramica è stata il mio mezzo principale dal 1969 al 1989. Quell’anno mio padre morì e il muro di Berlino cadde. I tempi hanno segnato per me un passaggio di fuoco, dalla scultura alla pittura.

Insegnare arte ai bambini è stata la mia altra vocazione, un modo per dare loro ciò che mi era mancato nella mia infanzia e per me lavorare direttamente con la creatività grezza che è lo stato naturale di un bambino. Mentre stavo scoprendo il mio io artistico a Berkeley, andai a una conferenza, di una psicologa junghiana ed educatrice della prima infanzia, presso San Francisco Art Institute di Rhoda Kellogg. Questa presentazione della sua ricerca internazionale sulla qualità universale dello sviluppo creativo dei bambini, ha confermato il mio impegno nel lavorare con i bambini attraverso l’arte. Cosa che ho fatto dopo la laurea e per quarant’anni della mia vita. Il mio insegnamento si è ampliato per raggiungere studenti di tutte le età, prima con la creta e poi con il disegno, poi progettando e dirigendo grandi progetti murali comunitari.

Nel 1971 mi sono trasferita dalla città alla campagna. Mi sono innamorata di Charles Illgen e della terra con cui aveva un legame così forte. Mi sono trasferita da Berkeley per raggiungerlo in un ranch di trecento acri sulle colline di Napa e poi, qualche anno dopo, nella Sonoma Valley. In un ambiente agrario, immerso nella natura, coltivando orti, uva e poi bambini, ho sviluppato un forte rapporto con Charles e con la natura. Questo appare nelle mie opere d’arte e nei ritratti surreali e fotografici, che riflettono una propensione per lo spirituale e il dialogo tra di noi.

Marsha Klein con il suo quadro ‘Re-Membering’

Ecco come si è sviluppatata la mia arte in questi cinque decenni: Raw Vision, Dream, Symbol, Mystery e Soul Food. L’arte mi contiene come un santuario e un veicolo, offrendomi l’opportunità di sviluppare un linguaggio visivo unico dell’esperienza della mia vita. Creo dipinti a olio audaci ed espressivi e sculture in ceramica organica. Utilizzando il corpo come metafora per rivolgersi alla psiche umana, il mio lavoro è ricco di contenuti con forti immagini archetipiche e biomorfiche.

Di solito lavorando in serie, ogni pezzo cattura un momento di una progressione in atto. Registrando un sogno ad occhi aperti, procedo intuitivamente. Il mio approccio grezzo presenta spesso un risultato inaspettato, a volte visionario. Mentre esploro le apparenti dualità: contenimento/espansione, nascosto/visibile, radicato/trascendente, si rivela un piano interno. Sebbene il mio impulso iniziatico sia spesso radicato nel personale, le opere completate parlano all’universale, riflettendo tematiche più grandi con l’anima dell’umanità e il nostro ambiente naturale, così gravemente colpito.

Durante i ritiri, Norbu Rinpoche ci ha dato pratiche specifiche di integrazione con gli elementi, l’acqua in estate, il fuoco in autunno in inverno, poi l’aria in primavera. Queste pratiche si adattano alla nostra vita di campagna con le sue insenature, camini e colline. Gli elementi sono prevalenti anche nelle mie opere d’arte. Infatti, anche l’arco della mia pratica artistica, visivamente e letteralmente, segue gli elementi, passando da argilla/terra e fuoco/calore, all’acqua, per poi culminare con aria/vento e il mio più recente, spazio/cielo.

La mia arte è una ricerca spirituale, trasformativa, nella creazione e nella visione. È un portale verso un sé più connesso, sensualmente e spiritualmente potenziato, che offre agli spettatori la guarigione dalla perdita della connessione con l’anima e dal significato più profondo delle nostre vite. Queste opere d’arte provengono sicuramente da me. La mia pratica artistica e la mia pratica spirituale sono correlate. La pratica Dzogchen sostiene, influenza, arricchisce e informa il mio lavoro artistico e la mia vita.

Per vedere i miei lavori, potete visitare il mio sito: www.marshakleinstudio.com.

Download PDF