Pellegrinaggio in Nepal e a Maratika

Di Will Shea

Nel 1984 a Maratika, in Nepal, la pratica del Longsal di Mandarava fu rivelata a Chögyal Namkhai Norbu, mentre praticava nella Grotta degli Otto Heruka. Per celebrare il quarantesimo anniversario di questo evento di grande portata, una collaborazione tra lo Shang Shung Institute UK e il Museo di Arte e Cultura Orientale (MACO) di Arcidosso (Italia) ha previsto, nell’aprile del 2024, un tour in Nepal che comprende alcuni giorni nelle grotte di Maratika. Le grotte sono il luogo in cui nell’VIII secolo Padmasambhava e la sua consorte Mandarava realizzarono l’immortalità spirituale del corpo del Vajra.

Con tutto questo in mente, in quarantatre pellegrini siamo arrivati a Kathmandu da tutto il mondo per un tour di undici giorni.

Il team che ha fatto da guida era composto dai tibetologi Jacobella Gaetani, che fu tra coloro che accompagnarono Rinpoche a Maratika quarant’anni fa, Jamyang Oliphant, studioso e conoscitore di tutto ciò che è nepalese, e Pemba Lama, direttore di Bodhisattva Trips. Kyu Kyuno ha aiutato a facilitare il numeroso contingente di giapponesi. Il team, competente e sollecito, ha provveduto a tutte le nostre esigenze, da quelle esoteriche a quelle più banali.

Prima di partire per Maratika, abbiamo trascorso alcuni giorni a esplorare le notevoli ricchezze spirituali e culturali della Valle di Kathmandu, superando al contempo il jetlag e preparandoci a raggiungere la nostra destinazione remota.  Kathmandu è una città caotica ma per certi versi rilassata, con una consistente presenza di buddisti tibetani che convivono armoniosamente con la maggioranza indù.  Ogni corsa in taxi per le strade affollate è caratterizzata dal passaggio davanti a diversi templi di entrambe le religioni, alcuni dei quali sono condivisi da entrambe.

A dare il via alla scoperta della zona è stata una festosa cena introduttiva in una tradizionale sala per ricevimenti nepalese, accompagnata da un vivace spettacolo di danza. La cronistoria di tutte le meraviglie di cui abbiamo goduto nei giorni successivi, visitando i molti luoghi di cui avevamo letto per anni, potrebbe riempire un libro. L’accenno ad alcuni punti salienti spero possa trasmettere qualcosa dell’impatto complessivo.

Per il primo giorno le nostre guide hanno organizzato una visita esclusiva ai templi del vicino monastero di Sechen e agli ex alloggi personali del venerato maestro Dilgo Khyentse Rinpoche, che contengono anche un reliquiario delle sue spoglie. Il giorno di Guru Rinpoche siamo tornati al monastero per celebrare la nostra Ganapuja in un piccolo tempio sotto lo sguardo vigile delle enormi statue di Guru Rinpoche, Mandarava e Yeshe Tsogyal.

Nel pomeriggio abbiamo visitato uno studio di pittura delle thangka, dove decine di artigiani lavorano diligentemente per continuare a creare bellissime immagini utilizzando il metodo tradizionale della creazione di pigmenti da vari minerali colorati.

La sera stessa abbiamo visitato i ghat sulla riva del fiume di Pashupatinath, un antico santuario indù dedicato a Shiva, e abbiamo osservato dalla riva opposta del fiume Bagmati come le famiglie bruciavano i resti dei loro parenti appena defunti su fuochi aperti, disperdendo poi le ceneri nel fiume.
Essendo sottovento rispetto al fumo dell’ossario, la nostra esperienza è stata piuttosto diretta. Anche i dubbi che avevamo sulla realtà dell’impermanenza sono stati bruciati!

Abbiamo poi visitato lungo il fiume le piccole grotte dei mahasiddas dell’XI secolo Tilopa e Naropa. Abbiamo avuto l’opportunità molto propizia di sederci brevemente all’interno – senza l’inconveniente di essere schiaffeggiati con un sandalo – il leggendario mezzo di risveglio somministrato a Naropa da Tilopa.

In seguito siamo rimasti sul terreno di Pashupatinath per vedere e ascoltare le festose preghiere Arti serali a Shiva e alle altre divinità. Il sensuale e alla fine anche chiassoso rituale di ringraziamento, con i fuochi di cremazione ancora accesi a portata di mano, è stato motivo di interessante riflessione.
Una gita di un giorno a Pharping ha permesso di visitare le grotte di buon auspicio di quella zona, a volte considerate la Bodh Gaya del Vajrayana, dove è avvenuta la “Ri-illuminazione” di Guru Rinpoche (come è scritto sopra uno degli ingressi della grotta). Quando è stato possibile, abbiamo intonato insieme l’invocazione dei sette versi di Padmasambhava o il Canto del Vajra all’interno delle piccole grotte, integrandoci con la potente energia presente.

Abbiamo anche visitato il tempio, la residenza e lo stupa reliquiario del defunto Chatral Rinpoche, che risuonano della presenza duratura dell’eminente maestro Dzogchen.

Un altro momento saliente è stata la visita al monastero di Triten Norbutse Bonpo, residenza dello stimatissimo maestro Lopon Tenzin Namdak. Abbiamo assistito a una conferenza dell’abate e maestro Kenchen Tenpa Yungdrung Rinpoche. I suoi commenti perspicaci sulle ricompense e le sfide del pellegrinaggio sono stati ben adattati alle nostre condizioni e hanno incluso il consiglio di collaborare armoniosamente durante il tour. Jamyang ha poi scherzato dicendo che lo aveva pagato per dare questo consiglio. Abbiamo anche visitato l’ambulatorio di medicina tibetana all’interno del monastero e alcuni di noi hanno ottenuto brevi consultazioni sulla salute, con la distribuzione di medicinali a base di erbe corrispondenti alla diagnosi.

Nel centro di Kathmandu abbiamo avuto l’improbabile esperienza di scorgere la Royal Kumari, una giovane “dea vivente” che vive in isolamento e si affaccia alla sua finestra solo in rari giorni per farsi vedere dalla gente. Non cercherò di spiegare questa insolita tradizione! Ho chiesto a Oliver (Leick) se abbiamo una dea vivente nella comunità Dzogchen. “Sì”, mi ha risposto. “Tutti noi”.

Un interessante evento collaterale del tour è stato l’insegnamento della Danza Vajra presso il monastero di Tsoknyi Rinpoche, Tsoknyi Gechak Ling.
Una decina di giovani monache si sono unite al corso di due giorni con altri locali e alcuni membri del nostro gruppo. Le istruttrici Anna Apraksina e Lorraine Gaultier (coadiuvate da Carisa O’Kelly e Kyu) sono state felici di vedere la ricettività e l’entusiasmo con cui le ragazze hanno accolto l’apprendimento della Danza.
Poiché l’immenso e magnifico Stupa di Boudhanath era a pochi passi dai nostri alberghi, abbiamo avuto l’opportunità, tra un’uscita e l’altra, di partecipare alla circumambulazione della kora. Il flusso di pellegrini intorno allo Stupa trasmette una forza di devozione buddista che non si trova facilmente in Occidente.

E naturalmente ci siamo goduti i piaceri ordinari (un’altra buona ragione per il pellegrinaggio) della cena e dello shopping nella colorata Kathmandu e nelle città artigianali di Bhaktapur e Patan, patrimonio dell’umanità.

Alla fine ci siamo imbarcati in un convoglio di nove jeep e un pick-up pieno di bagagli per il viaggio della durata di un giorno verso la nostra destinazione principale, Maratika. I bellissimi paesaggi e il buon umore dei compagni di viaggio hanno dato un po’ di sollievo al viaggio caldo e accidentato. Naturalmente, un pellegrinaggio non sarebbe completo senza alcune sfide per il corpo, la voce e la mente. Insieme ai piaceri del viaggio, abbiamo sperimentato limitazioni interiori ed esteriori in varie forme.  Tuttavia, alla luce della ricompensa, sono sembrati minimi; il gruppo dei devoti ha affrontato e sembra aver collaborato ragionevolmente bene.
(Forse questo dovrebbe essere confermato dalle guide).

Quando finalmente siamo entrati nella caverna di Maratika degli Otto Heruka, tutti i siti visitati in precedenza sono stati dimenticati, almeno per il momento. La potente energia del luogo è impareggiabile. Il Lama Kochog Gyaltsen, in visita, avrebbe poi indicato, con la sua torcia industriale, i numerosi e sorprendenti segni di Guru Rinpoche e delle Dakini nelle pareti rocciose. Ha anche fatto visitare le altre grotte sacre della collina di Avalokiteshvara.

Jacobella ha ricordato molti dettagli della visita di Rinpoche e di come ha ricevuto il gongter. Jakob Winkler ha spiegato la pratica di Mandarava per coloro che non la conoscevano e Oliver ha dato consigli di base sulla respirazione yoga. Per tre giorni abbiamo praticato insieme all’interno della grotta.

Anche se nella visione Dzogchen tutto è perfetto fin dall’inizio, per quelli di noi con capacità non proprio stellari è più facile praticare la consapevolezza circondati dall’energia della realizzazione!

Abbiamo anche avuto l’opportunità di praticare l’integrazione con la confusione, mentre ondate di pellegrini indù entravano e uscivano dalla grotta e scattavano foto di noi e con noi. Non è un luogo isolato! A un certo punto è entrato un gruppo di sciamani di montagna che suonavano il tamburo e hanno soffocato il nostro canto. Erano comunque molto interessanti e abbiamo apprezzato la loro visita. Il giorno della luna piena, un gruppo di monaci ha cantato il loro rituale di offerta Tsok vicino a noi. Più tardi, lo stesso giorno, abbiamo praticato una Ganapuja di Mandarava.

Abbiamo visitato altre grotte di buon auspicio sui vicini colli di Vajrapani e Manjushri, e alcuni hanno fatto un breve viaggio verso una potente grotta dei Naga che era stata scoperta da Kyabje Trulshik Rinpoche. Altri hanno fatto un giro più lungo e un’escursione a piedi fino alla piccola grotta segreta di Mandarava. In molti casi le persone si sono infilate negli spazi stretti delle grotte; ci sono stati alcuni incidenti, ma nessuno è rimasto definitivamente bloccato.

Con un’ultima Ganapuja nel Gönpa dell’hotel, ( bella struttura ), abbiamo espresso il nostro ringraziamento, poiché avremmo iniziato a separarci con il ritorno a Kathmandu.
Ci siamo poi dispersi nelle nostre varie destinazioni per continuare i nostri sforzi a riconoscere tutti i luoghi come primordialmente puri. Nel mio caso, vivendo vicino a Khandroling, nel Massachusetts, è stato anche un promemoria per apprezzare pienamente quel luogo speciale della Comunità Dzogchen.  In conclusione, esprimo la mia gratitudine per gli incredibili doni che Rinpoche e il suo lignaggio ci hanno fatto e per la gentilezza delle guide e dei compagni di viaggio di questo meraviglioso viaggio.

Download PDF